Islam

Un’altra sposa bambina si suicida in Iran

Un’altra sposa bambina si suicida in Iran

Una sposa bambina in Iran si è suicidata per aver sofferto di “depressione post-partum” dopo la sua seconda gravidanza.

La ragazza di Mashhad, identificata dalla madre come “Banafsheh”, si è sposata a soli 11 anni ed + morta all’età di 18 anni.

Sua madre, 47 anni, ha detto a un’assistente sociale della stazione di polizia di Sepad che, a causa della tradizione locale e dell’essere abche lei una bambina sposa, ha accettato quando un uomo chiamato “Mahyar” le ha chiesto di sposare la figlia e ha convinto il padre ad accettare.

Su diversi siti iraniani, è stata citata per aver detto: “Non sapevo che stavo distruggendo la vita di mia figlia. Quando era ancora una bambina e avrebbe dovuto giocare con le bambole, è rimasta incinta e stava cullando il suo primo bambino invece di una bambola.”

Ha detto che sua figlia e Mahyar vivevano a Mashhad, piuttosto che a Sarakhs dove viveva la famiglia di Banafsheh perché Mahyar non guadagnava abbastanza.

La madre si è recata a Mashhad dopo la seconda gravidanza di Banafsheh per aiutare con il bambino, ma è dovuta tornare a casa per aiutare con la fattoria. Tre giorni dopo, la depressione ha causato la morte di Banafsheh.

La madre ha giurato che sporgerà denuncia contro Mahyar per aver tenuto della droga in casa.

L’anno scorso, una ragazzina di 12 anni è morta per suicidio dopo essere stata costretta a sposare un uomo molto anziano perché la sua famiglia si era impoverita. La ragazza di Ilam è stata identificata come “Raha” dall’attivista per i diritti dei bambini, che ha detto che Raha era “un simbolo delle ragazze che sono costrette a sposarsi a causa della povertà”.

“Raha non è l’unica ragazza della regione che è stata costretta a sposarsi, le ragazze che sono costrette a matrimoni irrazionali possono essere indotte al suicidio dopo pochi anni.”

Le spose bambine sono un vero problema in Iran in quanto le bambine subiscono gravi conseguenze per la salute per il parto precoce, oltre ad avere restrizioni sui loro risultati scolastici e lo stato di occupazione.

Tuttavia, il parlamento iraniano ha respinto un disegno di legge che prevedeva di aumentare l’età matrimoniale a 13 anni per le ragazze e ai 16 anni per i ragazzi.

Hassan Nourozi, il portavoce della commissione giuridica del parlamento, ha cercato di difendere il rifiuto citando la legge della Sharia, che considera le ragazze adulte al compimento dei nove anni e quindi sono pronto ad essere sposate.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento