World News

Ungheria: Imbarcazioni militari schierate sul fiume Tisza per difendere l’Europa

Ungheria: Imbarcazioni militari schierate sul fiume Tisza per difendere l’Europa

Il governo ungherese ha schierato imbarcazioni militari per pattugliare il confine con la Serbia per fermare l’ingresso clandestino nel paese attraverso il fiume Tisza, un punto chiave di ingresso per i migranti che cercano di farsi strada verso l’UE

I Funzionari ungheresi dicono che quasi 100 migranti al giorno tentano di attraversare l’ Ungheria illegalmente dalla Serbia e dalla Romania. L’esercito ha schierato 500 soldati a fianco della polizia ungherese per porre fine all’invasione. Fonte: BBC.

il vice ministro della Difesa Szilárd Németh dell’Ungheria ha detto a Euronews nel corso di una recente intervista:
Se arrivano in gruppi, hanno sempre dei leader. Hanno ottime attrezzature. Abbiamo trovato gli occhiali per la visione notturna, e anche un sensore di terra.tagliatori per le staccionata, picche, mappe, elenchi di indirizzi, numeri di taxi – li hanno tutti. Sono molto ben preparati per attraversare il confine dell’Ungheria “.

La scorsa settimana, la polizia di frontiera ungherese è riuscita a respingere un gruppo di 70 migranti che avevano preso d’assalto una sezione vulnerabile della frontiera lungo il confine con la Serbia.

? Nel caso ve lo siate perso: ecco il video della folla violenta che assale il posto di frontiera ungherese ieri mattina. BLOG:

https://t.co/Ns370Bv5z0 pic.twitter.com/LcMUQPXQwE

– Zoltan Kovacs (@zoltanspox) 29 Gennaio 2020

Commentando la violazione del confine, il capo consigliere per la sicurezza del primo ministro Viktor Orbán, György Bakondi, ha detto: “Un violento, gruppo organizzato di immigrati ha tentato di invadere l’Ungheria a Röszke. Il confine serbo-ungherese è sotto forte pressione, con più di 3.400 persone che hanno tentato di entrare illegalmente in Ungheria nel solo mese di gennaio “.

Gruppi illegali si stanno ancora radunando proprio adesso; questo è un gruppo palesemente aggressivo e violento “, ha aggiunto Bakondi.

Il Segretario di Stato del Ministero degli Interni Károly Kontrát ha osservato che nel 2019, 17.200 immigrati clandestini sono stati fermati nel tentativo di entrare in Ungheria. Kontrat ha anche avvertito che il numero dei migranti raccolti sulla penisola balcanica aveva raggiunto 100.000 unità, e aveva il potenziale per innescare una crisi di migranti simile a quanto visto nel 2015.

All’inizio dell’anno, il governo ungherese ha annunciato che avrebbe raddoppiato il numero di soldati schierati ai suoi confini.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento