Politica / World News

UNO SGUARDO ALL’INTERNO DELLA PRIGIONE CORONAVIRUS DI MASSIMA SICUREZZA DELLA GERMANIA USATA PER I TRASGRESSORI DELLA QUARANTENA (video)

UNO SGUARDO ALL’INTERNO DELLA PRIGIONE CORONAVIRUS DI MASSIMA SICUREZZA DELLA GERMANIA USATA PER I TRASGRESSORI DELLA QUARANTENA (video)

I tedeschi nello stato settentrionale dello Schleswig-Holstein, che non aderiscono alla quarantena statale del coronavirus cinese finiranno dietro le sbarre. Il carcere di Coronavirus, istituito nell’ex centro di detenzione giovanile di Mortsfelde, sarà commissariato dalle forze dell’ordine in pensione e dai guardiani del carcere.

Il carcere dovrebbe essere pronto per aprire oggi, 1 febbraio 2021, e ospitare alcuni dei più pericolosi peccatori di corona dello stato. “Avevamo bisogno di un’altra possibilità per tenere sotto controllo le persone che stanno mettendo in pericolo se stessi e gli altri” sostiene lo Stato.

Le persone saranno rinchiuse per cose come: rifiuto di mettere in quarantena dopo aver fatto viaggi, essere entrati in contatto con individui ad alto rischio o aver ricevuto un risultato positivo del test. La scelta è semplice a seconda dello stato, “rimani in una cella stretta o, in alternativa, nella tua casa”.

La struttura è in grado di ospitare fino a sei prigionieri. Da 12 a 15 dipendenti guarderanno i prigionieri 24 ore su 24 per assicurarsi che i detenuti non lascino la loro cella piastrellata di dodici metri quadrati. Inoltre, 30 ex agenti di polizia e correzionali si sono offerti volontari per questo compito.

Filo spinato e una recinzione di sicurezza circondano la struttura. I prigionieri vivono con barre di metallo sulla finestra, un materasso duro e vengono nutriti con cibo passato attraverso un lembo nelle loro porte. Le celle sono scarsamente arredate, non c’è quasi alcuna libertà di movimento. Tuttavia, la televisione e i telefoni cellulari sono consentiti nelle celle. Per proteggersi dalle infezioni, la prigione riferisce che ogni cellula ha il proprio bagno.

Questo rapporto tra guardie e prigionieri suggerisce che il governo di sinistra non si preoccupa di combattere la pandemia in modo efficiente, ma piuttosto di controllo, intimidazione e repressione. Molti altri Stati tedeschi stanno costruendo una prigione per i trasgressori che rifiutano di aderire alle misure obbligatorie.

Non è chiaro quanti obiettori di quarantena ci siano nello stato ha riferito l’avvocato Sönke E. Schulz, il direttore generale del consiglio di contea dello Schleswig-Holstein. Schulz, il leader del consiglio, ha spiegato di sperare che i peccatori ottengano informazioni attraverso queste dure misure. Coloro che si comportano bene e hanno imparato la lezione, dovrebbero essere in grado di tornare a casa dopo un “normale periodo di quarantena”,

ISe la persona può affermare in modo credibile, che si atterrà all’ordine [di quarantena] in futuro e non lascerà la propria casa, allora è anche possibile che la persona possa tornare lì.

Notiziari tedeschi sull’apertura delle carceri coronavirus,

Legge sulla protezione dalle infezioni (IfSG)

Il controverso Infection Protection Act (IfSG) tedesco. permette allo Stato di isolare i cittadini nelle strutture carcerarie.

Le modifiche apportate all’IfSG durante quella che potrebbe essere una falsa bandiera del coronavirus hanno privato i cittadini delle libertà civili fondamentali e dato al governo della cancelliera Angela Merkel poteri dittatoriali.

Nell’ambito dell’IfSG, lo Stato ha annunciato una moltitudine di misure come; la confisca dei bambini per metterli in “strutture forzate per l’isolamento del coronavirus, vaccinazioni obbligatorie contro il coronavirus, imposizione di maschere protettive, imposizione del coprifuoco, limitazioni degli incontri e chiusura delle imprese.

I cittadini tedeschi sono stati particolarmente brutalizzati durante la pandemia di coronavirus, nonostante il tasso di mortalità estremamente basso. Merkel sembra usare il virus per preparare il terreno per una dittatura totalitaria. I tedeschi che si rifiutano di prendere l’iniezione di mRNA saranno imprigionati?

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento