Islam / World News

Washington D.C. L’Imam sciita Dr. Sulayman Ali Hassan: Possa Allah permettere a tutti noi di entrare in paradiso attraverso le porte del jihad – Il jihad può essere fisico, intellettuale, finanziario o marziale

Washington D.C. L’Imam sciita Dr. Sulayman Ali Hassan: Possa Allah permettere a tutti noi di entrare in paradiso attraverso le porte del jihad – Il jihad può essere fisico, intellettuale, finanziario o marziale

L’imam sciita dell’area di Washington D.C. Dr. Sulayman Ali Hassan ha detto che tutti i musulmani dovrebbero sforzarsi di condurre il jihad ed essere pronti a difendere l’Islam quando viene attaccato. Ha fatto le sue osservazioni in un sermone del venerdì pronunciato il 27 agosto 2021 presso il Centro islamico Shahe Najaf di Alexandria, in Virginia, un sobborgo di Washington D.C., che è andato in onda anche sul canale YouTube del Centro islamico. Il Dottor Hassan ha detto: “Possa Allah permettere a tutti noi di entrare in Paradiso attraverso le porte del jihad”.

Ha detto che se l’Islam è sotto attacco fisico, ci si dovrebbe preparare con “l’addestramento marziale”, ma se l’Islam è sotto un attacco intellettuale, i musulmani dovrebbero condurre il jihad con le “armi” dell’intelletto e del ragionamento. Hassan ha aggiunto che il jihad può essere attraverso finanziamenti o “lottando di persona”. Ha poi continuato dicendo che secondo gli hadith, una persona che è al-ghazi, che conduce il jihad sul campo di battaglia, deve essere importante per tutti i musulmani e che devono prendersi cura delle famiglie e delle persone a carico di coloro che conducono la Jihad sul campo di battaglia. Il Dottor Sulayman Ali Hassan è un imam sciita di origine americana e ha trascorso dieci anni a studiare in un seminario religioso a Qom, in Iran.

Dr. Sulayman Ali Hassan: “L’Islam ha sottolineato che dovremmo essere tutti mujahid[een]. Quando il tempo richiede un tipo di sacrificio, dovremmo essere pronti per quel tipo di sacrificio. Se l’Islam è sotto attacco, allora dovremmo assicurarci che tutti noi ci stiamo preparando a essere in grado di difendere l’Islam nel modo in cui viene attaccato. Se c’è un attacco fisico, allora dovremmo essere tutti pronti con l’allenamento marziale e l’allenamento di autodifesa in modo da poter difendere i nostri diritti e la nostra dignità. Se si tratta di un attacco intellettuale, allora tutti noi dovremmo essere armati con le armi dell’intelletto e del ragionamento.

[…]

“Possa Allah permettere a tutti noi di entrare in Paradiso attraverso le porte della Jihad.

[…]

“La Jihad può essere attraverso i finanziamenti e la Jihad può essere attraverso la lotta di persona. Entrambi sono necessari ed entrambi sono importanti.

[…]

“Qualcuno che è al-ghazi, che sta facendo jihad, in particolare sul campo di battaglia – dovresti considerare il loro sacrificio e la loro lotta come qualcosa che è importante per te e pregare per loro e cercare di rendere la loro vita più facile, aiutando la loro famiglia, aiutando quei loro dipendenti, che potrebbero non avere il loro padre, il loro marito o la loro persona presente per loro. Secondo gli hadith, la Jihad è una di quelle cose che porta una grazia speciale di Allah, una misericordia di Allah e un adempimento delle preghiere. Questo hadith è particolare per coloro che sono in una battaglia militare per la difesa dell’Islam, ma questo principio si applica in generale a tutte le forme di Jihad. Possa Allah renderci tra i mujaheddin per amore di Allah, con i nostri beni e con noi stessi”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento