Islam / World News

Yemen: Aumentano i casi di poliomielite dopo che la fatwa Houthi ha vietato i vaccini

Yemen: Aumentano i casi di poliomielite dopo che la fatwa Houthi ha vietato i vaccini

La poliomielite è nuovamente in aumento nello Yemen per la prima volta da quando la malattia è stata sradicata nel 2006.

Sono stati diagnosticati sedici casi dopo che i ribelli Houthi hanno negato alle squadre di vaccinazione l’accesso alla provincia di Saada, roccaforte del gruppo nel nord dello Yemen, per più di due anni, ha detto a The National il dottor Eshraq Al Subaei, vice ministro della sanità pubblica dello Yemen.

“Hanno impedito alle campagne di vaccinazione di accedere alla loro regione sulla base di fatwa religiose estremiste emesse da figure religiose Houthi di spicco insieme a banali pretesti per quanto riguarda la sicurezza”, ha detto Al Subaei.

La dott.ssa Taha Boutag, responsabile sanitario della provincia di Saada e lealista del governo, ha detto a The National dall’esilio nella provincia di Marib che gli Houthi hanno respinto a lungo le campagne di vaccinazione antipolio nelle aree sotto il loro controllo, come Saada e le province vicine.

“Le autorità Houthi di Saada di solito non impongono divieti ufficiali sulle campagne di vaccinazione per evitarne la responsabilità, ma consentono al personale medico di alto rango fedele a loro di avvertire i genitori dei motivi nascosti dietro il vaccino, per dissuaderli dal somministrarlo ai loro figli”.

Molti medici pro-Houthi hanno scritto post infondati su Facebook per dire ai residenti che i vaccini uccideranno i loro figli o causeranno disabilità permanenti.
La dott.ssa Boutag ha dichiarato: “Non abbiamo statistiche o dettagli esatti sui distretti in cui sono stati registrati i casi di polio perché lavoriamo ancora da Marib. Di conseguenza, ci troviamo di fronte a molte difficoltà nel contattare gli uffici sanitari nelle aree ancora occupate dal gruppo Houthi”.

Durante un incontro online la scorsa settimana con l’OMS e l’Unicef, il ministro yemenita della sanità pubblica Nasser Baaum ha invitato le Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali a sostenere gli sforzi del governo yemenita per frenare la diffusione dei casi di polio a Saada e altrove. Fonte: Saba news di proprietà dello stato.

Il dottor Baaum ha detto che le campagne di vaccinazione supplementari saranno condotte nelle province di Saada, in mano agli Houthi, e in alcune regioni dell’Hajja, il più presto possibile.

I bambini yemeniti sfollati frequentano una lezione all’aperto all’ombra di un albero nel distretto di Abs, nella provincia settentrionale di Hajjah. Afp

L’Unicef ha annunciato che il mese scorso è arrivato il primo lotto di vaccini per la poliomielite orale da utilizzare nelle campagne che si svolgono a Saada, Hajja, Amran e Al Jawf, in mano agli Houthi.

Le autorità sanitarie Houthi hanno respinto la spedizione, ha detto l’organizzazione, per il fatto che non soddisfa gli standard internazionali.

Ahmed Al Mandhari, direttore regionale dell’OMS per la regione del Mediterraneo orientale, e Ted Chaiban, direttore regionale dell’Unicef per la regione del Medio Oriente e del Nord Africa, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in settembre confermando che i recenti focolai di polio derivati da vaccini nello Yemen sono stati una conseguenza dei bassi livelli di immunità tra i bambini.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento